Cineturismo in Maremma, se ne parla a JMO18

La Toscana è una delle location più frequentate da registi e produttori. Considerata un territorio “film friendly” la nostra regione è la più utilizzata per girare film e produzioni straniere con ben il 14,5% delle preferenze.

Join Maremma Online quest’anno vuole approfondire temi molto interessanti per le destinazioni turistiche. Oltre ai grandi eventi si parlerà anche del ritorno economico che il settore del cineturismo può avere per una destinazione turistica.

Secondo una ricerca di Jfc ripresa da Ansa ViaggiArt “Le produzioni straniere rappresentano un volano eccezionale per comunicare le bellezze dell’Italia. Il cineturismo in Italia – afferma Massimo Feruzzi, amministratore unico di Jfc e responsabile dello studio – genera sui territori dove avvengono le riprese un beneficio economico pari a 261 milioni 783 mila euro. Di questi, la maggior parte, 198 milioni circa, è data da quanto ‘lasciano’ le produzioni durante le riprese, mentre è minore il valore economico generato da coloro, italiani e stranieri, che scelgono di soggiornare nei luoghi di tali riprese: 63 milioni 878 mila euro. Si calcola, infatti, che i turisti che soggiornano in una località per il solo fatto che lì siano state registrate scene di un film siano 594.800: 508.400 sono italiani e i restanti 86.400 sono invece stranieri.Riusciamo però a raccogliere solo l’1,2% dei soggiorni di “movie-tourist” internazionali“.

Opportunità interessanti per un territorio come la Maremma, già sfondo di numerose produzioni cinematografiche e anche di serie televisive. Basta dare un’occhiata su Wikipedia alla lista delle produzioni girate nella provincia di Grosseto per rendersi conto della necessità e della possibilità di organizzare proprio in questo ambito operazioni di marketing grazie a strutture organizzative disponibili a livello regionale come la Toscana Film Commission che si occupa proprio di proporre la nostra terra come palcoscenico ideale.

Sempre che qualche istituzione locale, o meglio qualche amministratore, non inizi a rimettere insieme il prodotto turistico della provincia, a proporlo nelle sedi istituzionali adeguate affinché progetti e buone intenzioni vengano supportati a livello organizzativo e economico.

Le immagini si riferiscono al film di Troisi Non ci resta che piangere e quello di Verdone Al lupo al lupo entrambi a Cala di Forno, spiaggia famosa che si trova nel Comune di Magliano in Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *